Biblioteca comunale di Concesio | Serge Quadruppani a Concesio
17856
post-template-default,single,single-post,postid-17856,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

04 Mag Serge Quadruppani a Concesio

venerdì 18 maggio alle ore 20.30

incontro con

presso la Biblioteca di Concesio, all’interno della rassegna “”, narrazione di maggio: metamorfosi

Serge Quadruppani (1952), scrittore e giornalista, è una delle voci più autorevoli del nuovo noir e poliziesco francese. Vive tra Belleville (Paris) e il Sud Italia.
Dirige, per le edizioni parigine Métailié, la collana Bibliothèque Italienne, che pubblica alcuni dei più importanti autori italiani contemporanei, di cui Quadruppani ha curato personalmente la traduzione: come lui stesso si definisce, “apporteur de texte“, ha fatto scoprire gli autori italiani che secondo il suo parere hanno portato un’aria nuova nella letteratura transalpina. Tra questi ricordiamo Andrea Camilleri, Valerio Evangelisti, Laura Grimaldi, Sandrone Dazieri, Massimo Carlotto, Marcello Fois, Wu Ming, e molti altri.
Scrive sulla rivista Le Monde diplomatique e sul settimanale di fumetti e satira Siné Hebdo. Ha scritto diversi saggi e romanzi noir, fra cui In fondo agli occhi del gatto (2007) Y (2008), Rue de la Cloche (2009).
In Italia i suoi romanzi sono stati pubblicati da Marsilio, DeriveApprodi, Mondadori ed altre case editrici. Ha scritto anche letteratura per ragazzi, uscita con Salani, e nel 2011 Edizioni Ambiente ha presentato “La rivoluzione delle api“, un giallo ecologista ambientato in Val Pellice.

Dialogheranno con l’autore Sandro Scarso, ex editore della Casa editrice Calusca di Padova, libraio e animatore socio-culturale e il gruppo di lettura “The Book Brothers”

Saturno (Einaudi, 2013)

Alle terme di Saturnia, luogo preferito di relax per gli alti papaveri della società romana, un uomo uccide a sangue freddo tre donne, apparentemente scelte a caso, e svanisce nel nulla. Alla vigilia del G8 dell’Aquila, la prima pista che gli inquirenti sembrano voler seguire è quella di al-Qaida, ma il commissario Simona Tavianello non è convinta.
La rivendicazione sembra copiata da mille altre e, d’altro canto, perché delle indagini è stata incaricata lei, che lavora alla Direzione antimafia? E perché le piste sembrano aumentare di numero, portandola sempre piú vicina al cuore della finanza internazionale? Ostacolata da membri di quell’apparato giudiziario che ha sempre e fedelmente servito, al commissario non rimane che ricorrere a ogni aiuto possibile, anche non convenzionale, fino a creare una squadra decisamente anomala, fatta di investigatori privati, ragazzini smaniosi di vendetta, e – perché no? – di cani, gatti, conigli, asini…

La politica della paura (Lantana, 2013)

Dopo “l’età dell’ansia”, il nuovo secolo è attraversato da un sentimento di incertezza ancora più profondo. Su questo oggi prolifera una vera e propria politica della paura, che alimentata dalla complicità dei media fabbrica di volta in volta nuovi pericoli – il terrorista, il no-tav, l’internauta, il rom – per distogliere la nostra attenzione da rischi ben più reali e indebolire le capacità critiche e di pensiero. Serge Quadruppani delinea con precisione un “impero” in continuo movimento, sempre alla ricerca di nuovi nemici da sconfiggere, mettendoci in guardia dalle distorsioni della “macchina terroristica”. Prefazione di Wu Ming 1.

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.