Sex and rage - libro del mese di agosto '20 - Biblioteca comunale di Concesio
21625
post-template-default,single,single-post,postid-21625,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

29 Lug Sex and rage – libro del mese di agosto ’20

di Eve Babitz
Bompiani, 2019 – 206 pagine
Tempo di lettura: 8 ore

«Jacaranda aveva un problema con l’alcool. Sembrava che fosse iniziato quando era arrivato Max. Forse non era nemmeno colpa di Max, e comunque tutti gli scrittori del ventesimo secolo avevano problemi con l’alcool. E dopo l’assegno di mille e ottanta dollari era ovviamente diventata una scrittrice e altrettanto ovviamente era il ventesimo secolo, per cui non poteva non avere un problema con l’alcool.»

Eve Babitz ha settantacinque anni e vive a Los Angeles. Il libro Sex and Rage è stato pubblicato in Italia nel 2019, ma la sua uscita negli Stati Uniti risale al 1979. Infatti Babitz, scoperta da Joan Didion ed esaltata da scrittori come Bret Easton Ellis, sta vivendo il suo periodo di maggiore fama soltanto oggi, diventando un autrice cult e un’icona per le giovani donne statunitensi (ma non solo).

Eve Babitz nasce a Hollywood e fin da piccola è circondata da artisti (il suo padrino è Igor Stravinsky). A vent’anni si fa ritrarre nuda mentre gioca a scacchi con Marcel Duchamp. Amante di numerosi musicisti (uno tra tutti Jim Morrison), si guadagna da vivere come pittrice prima e scrittrice poi. Conduce una vita mondana, tra alcool, feste e droghe. Sono gli anni Settanta.

E’ necessario accennare alla vita di questa scrittrice, non solo perché assolutamente fuori dagli schemi, ma perché traspare in molti dei suoi libri. Se ciò è palese nell’autobiografia ‘Slow days, fast company’ (uscito in Italia  con il sottotitolo ‘Il mondo, la carne, LA’), non possiamo fare a meno di notarlo anche nel romanzo ‘Sex and rage’.

Qui Babitz si nasconde dietro il personaggio di Jacaranda Leven, una giovane donna in preda a una confusione esistenziale. Trascinata nel mondo del jet set californiano dall’incontro con l’eccentrico aristocratico Max, condurrà una vita invidiabile ma priva di scopi.

Sballottata tra storie d’amore inconcludenti (non ultima la sua attrazione impossibile per Max, che è omosessuale) e varie dipendenze (alcool, droga, ma prima ancora Los Angeles), Jaracanda cerca la sua strada. Decide di dedicarsi alla scrittura e saranno proprio la prospettiva di un contratto editoriale e la possibilità di trasferirsi a New York a dare uno scossone alla sua esistenza.

E’ chiaro che l’autrice e la sua protagonista siano legate a doppio filo da una storia quasi identica, ma attraverso il personaggio di Jaracanda Babitz riesce a portare alla massima espressione la sua ironia, il suo modo di raccontare distaccato ma appassionante e il suo amore per la città degli angeli nell’epoca d’oro degli anni Settanta.

Per chi… Ha il mito della California. Per chi ama le protagoniste femminili forti, irriverenti e fuori dagli schemi.

consigliato da Matilde

Abstract: Jacaranda Leven è nata e cresciuta a Los Angeles e non c’è un’altra città al mondo in cui immagina di poter vivere. Fin da piccola ha imparato a solcare le onde su una tavola da surf, l’oceano come compagno di giochi e maestro nell’arte di trovare un equilibrio quando tutto intorno è in costante movimento. Si mantiene proprio dipingendo tavole da surf, ma la sua vitalità sfacciata le permette di salire sulla “chiatta”, un’isola di ricchezza a cui appartengono solo persone bellissime, dedite al divertimento. Quando compie ventotto anni però Jacaranda comincia a sentire il peso della precarietà e decide di sfidare sé stessa dedicandosi alla scrittura. La conseguenza è una proposta di viaggio a New York, lontano dal mare, tra persone che vivono per lavorare. Con una prosa che riesce a essere insieme onirica e carnale Eve Babitz descrive la vita e gli amori di una donna che (forse) le assomiglia al ritmo incalzante di tango, un ballo che è “un abbraccio popolare tra seminatori di erbacce senza rimpianti”.

TAG

Clicca sul bottone per scoprire altri titoli con gli stessi temi

Lettura

Scorrevolezza

90%

Coinvolgimento

75%

Descrizioni

70%

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.