Biblioteca comunale di Concesio | Entri in Artoteca, esci un un’opera
18473
post-template-default,single,single-post,postid-18473,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

23 Nov Entri in Artoteca, esci un un’opera

Giornale di Brescia, 21 novembre 2018

Entri in biblioteca ed esci con un’ opera d’ sotto braccio. È un’ iniziativa che non ha precedenti a Brescia e pochissimi in Italia – quella voluta dalla biblioteca comunale di Concesio. La dinamica è sempre la stessa dei libri: vai in biblioteca, scegli l’ opera d’ arte in esposizione che più ti aggrada e la porti a casa per due mesi. Un prestito sui generis che porta con sé un obiettivo prestigioso: diffondere a domicilio l’ arte contemporanea educando allo sguardo. Le 40 opere d’ arte contemporanea pro poste in questa di Concesio sono di indubbia qualità. A garantirla un comitato scientifico composto da Paolo Sacchini, direttore della Collezione Paolo VI -Arte contemporanea dica sa al Centro Studi dell’ Istituto Paolo VI, e Carmela Perucchetti, presidente dell’ associazione per l’ arte Le Stelle. A queste due figure il compito di selezionare una ventina di artisti del panorama nazionale e internazionale, alcuni dei quali bresciani. Ci saranno le opere (due per artista) di Armida Gandini, vincitrice dell’ ultima edizione del premio Paolo VI per l’ arte contemporanea, Tommaso Mori, fotografo che ha esposto alla Triennale di Milano, Domenico Franchi, scenografo e artista visivo bresciano che lavora nei teatri d’ opera di tutto il mondo, il net artist Marco Cadioli, Nicola Zaccaria protagonista della grande mostra d’ arte contemporanea «Essere nella luce» durante la Settimana Montiniana, Anna Ramera artista che apre una finestra per i più piccoli grazie a delle illustrazioni che si collegano ai libri di Gianni Rodari, la maestra bresciana di incisione Giusi Lazzari e Giuseppe Monguzzi, esponente del naturalismo informale lombardo, solo per citarne alcuni. In bella mostra. Tutte le 40 opere si possono appendere: sono fotografie tradizionali e non, illustrazioni, dipinti. In prestito anche una decina di opere realizzate da utenti di alcune cooperative sociali del territorio. A partire da dicembre, ogni giovedì, ci sarà una serata di approfondimenti per sapere di più sulle opere e sugli artisti. L’ verrà inaugurata sabato alle 10.30 in via Mattei.

 

Silvia Ghilardi

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.