Rosi e Moussa. Libro per bambini del mese di settembre - Biblioteca comunale di Concesio
21988
post-template-default,single,single-post,postid-21988,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

10 Set Rosi e Moussa. Libro per bambini del mese di settembre

di Michael de Cock, ill. da Judith Vanistendael
Il Castoro, 2013 – 90 pagine
Difficoltà di lettura: dagli 8 anni

“Miao”, fa il cane.

Il gatto Tito

Ci ricordiamo come eravamo, quando eravamo bambini? Quanto tutto era grande e smisurato rispetto a noi? Come ci sentivamo sovrastati dai rumori, dal movimento, dal traffico, dalla gente, dalle tante sollecitazioni che arrivavano dall’esterno?

(Non è forse per proteggersi da tutto ciò che ai bambini piacciono gli angoletti riparati, la vaschetta dentro la vasca, giocare dentro a una scatola, i luoghi a loro misura?)

Si sente così anche Rosi, appena trasferitasi con la mamma in un condominio dall’altra parte della città, che a lei sembra “quasi dall’altra parte della terra”. Il condominio è così alto che, guardandolo dal basso, il tetto non si vede. La città è così grande che Rosi ci si potrebbe perdere cento volte. Ha sbagliato strada perfino il tassista che le ha portate fino lì! E tutto è così distante da casa loro che il clima sembra addirittura diverso: là c’era il sole, qui piove.

A differenza di tanti libri di questa fascia d’età, in cui le illustrazioni riproducono graficamente una scena già descritta, qui abbiamo anche delle immagini da osservare come se fossero parte del flusso della storia, come se raccontassero qualcosa che non viene espresso a parole.

Le prime immagini di questo tipo sono quella in cui madre e figlia salgono le scale del palazzo e quella subito seguente, in cui madre e figlia entrano nell’appartamento in cui abiteranno.

Non solo le scale sono tantissime tra un piano e l’altro, ma anche l’appartamento è immenso e vuoto.

Una smisuratezza che nasconde un disagio vissuto da entrambe – il motivo si intuisce già nelle prime pagine -, perché in realtà il quartiere non è poi così male: Rosi riceve subito la visita di un bambino del palazzo, Moussa, e il pescivendolo all’angolo della strada le dà un cordiale benvenuto. Perfino il pensionato rompiscatole, il terribile signor Tak, a suo modo, accoglie la piccola.

Cosa farebbe sentire meglio Rosi, se non guardare tutto il caos cittadino dall’alto, con tutto quello che prima la sovrastava ridotto in miniatura e con lo sguardo e il respiro che possono spaziare verso il cielo?

Per questo il fantasioso Moussa vorrebbe portarla lassù!

Peccato che salire sul tetto del condominio è proibito, pericoloso, vietato ai non addetti ai lavori ed è proprio il rompiscatole Tak che sorveglia i movimenti su e giù dalle scale del palazzo.

Riusciranno i due bambini a salire indisturbati sul tetto?

Lo scoprirete solo leggendo!

consigliato da Valentina

Abstract: Rosi si è appena trasferita nella periferia della città: sono solo lei e la sua mamma, e il nuovo palazzo è pieno di vicini strani e antipatici. Si annoierà di sicuro, lo sa già! E invece ecco che arriva Moussa, un ragazzino un po’ timido ma con un invito molto speciale: salire insieme sul tetto proibito. Sarà l’inizio di una grande amicizia?

TAG

Clicca sul bottone per scoprire altri titoli con gli stessi temi

Lettura

Scorrevolezza

85%

Coinvolgimento

64%

Immagini

61%

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.